Avvocato di mafia, reato di latitanza, latitanti, estradizione

Avvocato penalista per Estradizione Italia

Avvocato penalista per Estradizione Italia - Stati Uniti Canada Regno Unito Inghilterra Regno Unito Germania Austria Belgio Bulgaria Cipro Croazia Danimarca Spagna Estonia Finlandia Francia Grecia Ungheria Irlanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Paesi Bassi Polonia Portogallo Regno Unito Repubblica Ceca Romania Svezia Colombia Messico Costa Rica Repubblica Dominicana Ecuador Perù El Salvador Guatemala Haiti Honduras Nicaragua Panama Belize Cile Brasile Marocco Algeria Tunisia.

È fuggiasco che volontariamente porta via la custodia , gli arresti domiciliari , il divieto di espatrio , il requisito di residenza  o un ordine con il quale la custodia.
Con la misura che dichiara la fatalità, il giudice designa un difensore dell'ufficio per il fuggiasco che ne è privato e ordina che una copia dell'ordine in cui la misura è rimasta indisponibile sia depositata presso il Registro. L'avviso di deposito è notificato al difensore. Gli effetti procedurali derivanti dalla fatalità operano solo nel procedimento penale in cui è stato dichiarato.


La qualità fuggitiva rimane fino a quando la misura che ti è stata data è stata revocata ai sensi dell'articolo 299 o altrimenti ha perso la sua efficacia o è scaduta il reato (cp. 150-170) o la punizione (cp. 171-181) per il quale è stata emessa la misura.
Il fuggitivo per ogni effetto è equiparato all'evasione (cp. 385).


Cos'è il reato di latitanza?
Secondo il codice di procedura penale italiano, è definito come legittimo, nell'articolo 296, colui che ritirare volontariamente la custodia, gli arresti domiciliari, il divieto di espatrio, il domicilio o l'ordine con il quale viene fatta la custodia.
In sostanza, il reato di latitudine è definito quando una persona che è stata sottoposta a un procedimento penale diventa inapplicabile, in modo da evitare il giudizio o le disposizioni stabilite dal tribunale competente.


Il fallimento può quindi essere considerato solo nei casi sopra delineati e il tribunale può dichiararlo solo se è stato precedentemente imposto su una delle misure sopra elencate.
Il fuggiasco è quindi equiparato a un'evasione, e il suo crimine declina solo quando l'offesa o la punizione per la quale era stato precedentemente sottoposto a un'indagine giudiziaria è diminuita.


La domanda di estradizione?
Il Ministro della giustizia è competente a chiedere a uno Stato straniero di estradare un accusato o una persona condannata a cui deve essere applicata una misura restrittiva della libertà personale. A tal fine, il Procuratore generale presso la Corte d'appello nel cui distretto è stata pronunciata o condannata la sentenza di condanna è richiesto dal Ministro della giustizia trasmettendo i documenti e i documenti necessari.


L'estradizione può essere chiesta di propria iniziativa dal ministro della grazia e della giustizia.
Il Ministro della Giustizia può decidere di non presentare una richiesta di estradizione o di dividere la domanda quando la richiesta può pregiudicare la sovranità, la sicurezza o altri interessi essenziali dello Stato dandone comunicazione all'autorità giudiziaria richiedente.

Avvocato di mafia, reato di latitanza, latitanti, estradizione
Il Ministro della Giustizia è competente a decidere sull'accettazione di eventuali condizioni che possano essere imposte dallo Stato estero al fine di concedere l'estradizione, anche se non in conflitto con i principi fondamentali dell'ordinamento giuridico italiano. L'autorità giudiziaria è vincolata al rispetto delle condizioni acetate.


Il ministro della Giustizia può, a fini di estradizione, organizzare le ricerche all'estero dell'imputato o condannato e chiedere il loro arresto provvisorio.


Quali sono i doveri dell'avvocato?
È tradizionalmente insegnato che il momento iniziale, quello del primo colloquio con il cliente, è decisivo per un approccio corretto, finalizzato alla conoscenza reciproca tra il partito richiedente e il difensore in cui si pone rimedio ai destini di coloro che vi si affidano.
Questa regola generale nella legge penale non può essere sempre rispettata; ci sono in realtà ipotesi in cui il cliente è detenuto, e quindi il primo contatto avviene in prigione o viene preso non direttamente con il cliente ma con i suoi parenti. Al di fuori di questi presupposti, è bene che l'intervista avvenga personalmente con la persona interessata e allo studio del praticante.


A livello formale, quando è possibile, la migliore dottrina consiglia, in linea con l'arte. 36, canon III, del Codice di condotta, per procedere anzitutto con l'identificazione sicura del cliente mediante la compilazione dell'atto di nomina con la fotocopia di un documento di identità.
In relazione al cliente, l'avvocato penalista deve essere in grado di stabilire un rapporto reciproco di conoscenza e cordialità, ma senza superare il territorio di eccessiva familiarità e familiarità.


Nel rapporto intersoggettivo, tuttavia, l'avvocato deve svolgere un ruolo di guida ed essere in grado di trovare il giusto equilibrio tra cordialità e distacco, evitando in ogni caso la fine del succube del cliente, sia sul piano personale che sulla linea difensiva, che deve sempre essere Concordata.
L'art. 622 del codice penale obbliga i professionisti a mantenere il segreto professionale; questo dovere è meglio chiarito, limitato agli avvocati, dal codice etico che identifica l'arte. 9 il dovere di segretezza e riservatezza.


Questo diritto / dovere prevede alcune eccezioni indicate dalle tariffe complementari dell'art. 9.
Si tratta in parte di un caso relativo al rapporto tra avvocato e cliente, in parte per quanto riguarda gli obblighi dell'avvocato nei confronti della società che ora sono esplicitamente richiamati nell'art. 7 del Codice Etico, come modificato il 27 gennaio 2006.


Questi episodi che abbiamo mostrato mostrano quanto sia difficile valutare casi concreti e soprattutto quanto sia difficile trovare il limite tra il segreto professionale e l'attaccamento dell'avvocato alla comunità contemplata nell'arte 7 del codice etico.

Contattaci su Whatsapp

avvmassimoromano@gmail.com

Avvocato esperto in estradizione, Contattaci adesso in caso di detenzione o arresto sia in Italia o all’estero, ci occupiamo di diritto penale in Europa, Stati Uniti, Colombia e altri 35 paesi, i nostri avvocati penalisti parlano inglese, francese, spagnolo, portoghese e italiano, sono esperti nella difesa penale di persone accusate di traffico internazionale di stupefacenti, spaccio di droga, omicidio, furti e rapine, sottrazione internazionale di minori e altri reati gravi.

CONTATTACI ADESSO

 
 
 
 
 
© 2018 estradizione.com. All Rights Reserved. Designed By estradizione.com