Avvocato penalista internazionale per estradizione Italia

Avvocato internazionale per estradizione Italia

Avvocato internazionale per estradizione Italia - Algeria Andorra Marocco Egitto Tunisia Albania Thailandia Repubblica dominicana Messico Stati Uniti Regno Unito Australia Colombia Cile Argentina Costa Rica Cuba Brasile Gran Bretagna Azerbaigian Bielorussia Bolivia Bosnia-Erzegovina Brunei Canada Capo Verde Ciad Cina Dominica Ecuador El Salvador Emirati arabi uniti Guatemala Honduras Indonesia Iran Iraq Isole Cayman Israele Italia Kenya Kirghizistan Kuwait Nicaragua Niger Nigeria Nuova Zelanda Pakistan Panama Paraguay Perù Qatar  Russia Singapore  Sudafrica Svizzera Tagikistan Taiwan Tanzania Trinidad e Tobago Turchia Ucraina Uruguay Uzbekistan Venezuela Vietnam Armenia.

L'estradizione è uno strumento di cooperazione internazionale in campo criminale che viene utilizzato quando uno Stato intende ottenere da un altro stato la consegna di una persona, per citarlo o eseguire una sentenza di reclusione nei suoi confronti o un'altra misura restrittiva della libertà personale.

Nella procedura di estradizione, ogni stato può assumere il ruolo di stato "richiesto" o di stato "richiedente": da qui la distinzione tra estradizione "passiva o estera" ed estradizione "attiva o dall'estero".

L'istituzione di estradizione non si applica alle relazioni tra gli Stati firmatari dell'Unione europea, che, avendo attuato la decisione quadro sul mandato d'arresto europeo (2002/584 / GAI), lo stesso scopo, di una diversa - e più rapida - procedura di consegna delle persone ricercate.


Nel nostro ordine è l'arte. 696 c.p.p. prevedere che le norme del codice penale di estradizione (articoli da 697 a 722) si applicano solo quando non esiste una fonte normativa sovranazionale o quando quest'ultima non fornisce altrimenti, sancendo così la prevalenza - in aggiunta al diritto internazionale generale - delle norme sovrannazionali convenzionali, che, per quanto riguarda l'Italia, si possono trovare sia nella Convenzione europea di estradizione, firmata a Parigi il 13 dicembre 1957 e ratificata dall'Italia dal l. 30.1.1963, 300, e nei numerosi trattati bilaterali, conclusi dall'Italia con stati diversi da quelli del Consiglio d'Europa, come Stati Uniti, Argentina, Brasile, Polonia e Il Libano.

Nella cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri dell'UE, le tradizionali procedure di estradizione sono state sostituite dall'istituzione europea di mandato d'arresto, che si basa sul principio del reciproco riconoscimento delle decisioni giudiziarie e che, L'Italia, trova la sua fonte di disciplina in l. 22.4.2005, n. 69, che attua la decisione quadro (2002/584 / GAI), adottata dal Consiglio dell'Unione europea il 13 giugno 2002.

Cosa è il diritto penale internazionale?

Il diritto penale internazionale è il ramo del diritto internazionale che si occupa di questioni criminali e fa riferimento a tutte quelle leggi che puniscono i reati internazionali e i comportamenti sanzionatori come i crimini internazionali, e lo stato deve adeguarsi perché fa parte della comunità internazionale.

Il diritto internazionale è il sistema di regole e principi volti a regolare le relazioni tra Stati e altri soggetti internazionali. La sua nascita è storicamente legata alla formazione di stati sovrani e indipendenti, che, seguendo la Pace di Westfalia (1648), hanno creato il primo nucleo della comunità internazionale di oggi. Data la struttura equa di questa comunità, il diritto internazionale è caratterizzato dal fatto che le funzioni di produzione, individuazione e applicazione forzata delle norme vengono eseguite, in assenza di organismi sovranazionali negli Stati, dalle stesse persone, secondo il modello di decentramento funzionale.

Diritti in caso di estradizione?

Il primato della legge può comportare il rischio che l'applicazione acritica della legge, che non tiene conto delle circostanze in cui le sue regole devono essere applicate nel singolo caso e gli scopi a cui dovrebbero applicarsi, possa facilmente portare alla commissione dell'ingiustizia o anche costituire uno strumento per perpetrare l'ingiustizia

Nel campo di estradizione, è noto come nel regime cd. è necessario accertare se la convenzione applicabile consente allo stato richiesto di valutare il cd. gravi indicazioni di colpa.

La giurisprudenza più recente e di vasta portata della Corte Suprema è stata costantemente espressa nel senso che "al fine di pronunciarsi favorevole all'estradizione, è richiesta l'esistenza documentata e la valutazione della colpevole colpevolezza dell'estradizione solo se non esiste un accordo di estradizione tra lo Stato italiano e lo Stato richiedente, o anche tale esistenza della Convenzione che condanna espressamente l'estradizione all'esistenza di indicazioni gravi: nel sistema convenzionale, infatti, l'esistenza di seri indizi di ritardo è incontrovertibilmente presunta dai documenti che la Convenzione indica e alla quale il tribunale dello Stato richiesto non può negare la fede quando sono ufficialmente comunicati per il solo esame formale da eseguire su di loro "(Setta VI, sentenza n. 45253 del 22/11/2005 CC - Voce 13/12/2005, RV 232633; infine, sez VI, 10 ottobre 2008, No. 40283, 28 ottobre 2008).

La mancanza di una disposizione positiva a tale riguardo nella Convenzione europea sull'estradizione 4 (ossia la necessità di effettuare una valutazione concreta delle gravi indicazioni di volta in volta) significherebbe nell'orientamento sopra menzionato che gli Stati aderenti hanno già fatto una scelta riconoscimento dell'affidabilità dei documenti trasmessi per provare, secondo lo Stato richiedente, l'esistenza di indicazioni serie

Diritti in caso narcotraffico?

L'Ufficio delle Nazioni Unite per la lotta contro la droga e la criminalità (UNODC) è un'agenzia delle Nazioni Unite fondata nel 1997 come Unità per la prevenzione della criminalità e del controllo della droga, che aderisce al Programma internazionale delle Nazioni Unite per il controllo della lotta contro la droga e la criminalità (UNODC). Nel 2002, il Dipartimento per il controllo delle droghe (UNDCP) e la Divisione per la prevenzione del crimine e la giustizia penale presso l'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo e la prevenzione dei reati contro la droga a Vienna.

Ciò significa, in altre parole, che nello stato richiesto viene impedito di verificare l'esistenza di gravi sentenze di colpevolezza, dovendo solo effettuare una verifica formale dei requisiti imposti dallo strumento, senza essere in grado di simpatizzare con la (in) esistenza di gravi contraddizioni di prova che potrebbe anche emergere da atti trasmessi con mezzi diplomatici o diretti.

Contattaci su Whatsapp

avvmassimoromano@gmail.com

Avvocato esperto in estradizione, Contattaci adesso in caso di detenzione o arresto sia in Italia o all’estero, ci occupiamo di diritto penale in Europa, Stati Uniti, Colombia e altri 35 paesi, i nostri avvocati penalisti parlano inglese, francese, spagnolo, portoghese e italiano, sono esperti nella difesa penale di persone accusate di traffico internazionale di stupefacenti, spaccio di droga, omicidio, furti e rapine, sottrazione internazionale di minori e altri reati gravi.

CONTATTACI ADESSO